Return on long term investment

Il return on long term investment (o ROLTI, tradotto come indice di redditività del capitale investito in cultura) più che un indice quantitativo – o di bilancio – è un indicatore di tendenza coniato da Talent Partners per la prima volta il 30 settembre 2016 durante un Cultural Lab sul “Costo dell’ignoranza” all’interno del Festival di Internazionale che si è tenuto a Ferrara.

Tale indicatore nasce dal tema principale del Lab, ovvero dal fatto che vi sia una stretta correlazione tra cultura e profitto. Lo dimostrano alcuni dati, evidenziati da Giuliano Gallini – direttore commerciale e marketing di CIR Food – in un suo articolo: “la mia tesi … è che il declino della produttività sia correlato al calo degli investimenti in cultura. Naturalmente nemmeno io ho prove. Ma ho indizi, di tutti tipi. I paesi che crescono in produttività non hanno smesso di investire in cultura (istruzione, promozione della lettura, organizzazione di eventi culturali, investimenti in musei eccetera)”.

In un contesto di aziende che puntano principalmente sul ROI, se ci si riferisce alla cultura è necessario allungare gli orizzonti e ragionare sul medio-lungo periodo (ROLTI). Perché solo in questo modo è possibile avere il giusto ritorno. Un ritorno che però è sostanziale e solido.

E la cultura passa dalla cura di se stessi. E la cura di se stessi è formazione.